Europa: Lavoro e Millennials

millennials

Ancora prima della Generazione Z ci sono i Millennials, la generazione nata tra il 1980 e il 1995. E cioè io e buona parte di voi che sta leggendo questo post. In questi ultimi anni, soprattutto dalla crisi dell’Eurozona in poi molto è stato detto su noi giovani Millennials: choosy è stata l’etichetta che più delle altre ci è stata attaccata addosso (la ricordate ancora?).
In realtà schizzinosi, incontentabili o mammoni non lo siamo affatto, ma anzi l’essere approdati sul mercato del lavoro proprio in piena crisi economica ci ha resi resilienti, ambiziosi e creativi e con la voglia di metterci in gioco: abbiamo messo su startup, innovato aziende e sviluppato app.

Oggi, già durante l’emergenza sanitaria sono emerse nuove figure e opportunità di lavoro, ma sarà nel post Covid-19 che saremo messi di fronte a un nuovo modo di lavorare: passeremo sempre di più al digitale e al flessibile, così come cambierà anche il concetto stesso di desk con lo smart working. È su queste nuove modalità che dovrà lavorare l’Europa, ma anche l’Italia, per mettere in moto un nuovo sistema virtuoso di lavoro-formazione per incoraggiare le generazioni (Millennials, ma anche le future) per rispondere al nuovo mercato e ai nuovi stimoli: questo dovrà comprendere necessariamente anche retribuzione e valorizzazione del merito perché tempo e idee sono già da ora una variabile fondamentale nei rapporti di lavoro e proprio per questo dovranno essere retribuiti.

Alla Night Live di #SostienePecora ho parlato anche del mio Erasmus a Lione e di quanto questa esperienza faccia crescere non solo sul piano universitario, ma anche culturale, nel rapporto con gli altri e sul self-empowerment.

View this post on Instagram

Ancora prima della Generazione Z ci sono i Millennials, la generazione nata tra il 1980 e il 1995. E cioè io e buona parte di voi che sta leggendo questo post. In questi ultimi anni, soprattutto dalla crisi dell'Eurozona in poi molto è stato detto su noi giovani Millennials: choosy è stata l'etichetta che più delle altre ci è stata attaccata addosso (la ricordate ancora?). In realtà schizzinosi, incontentabili o mammoni non lo siamo affatto, ma anzi l'essere approdati sul mercato del lavoro proprio in piena crisi economica ci ha resi resilienti, ambiziosi e creativi e con la voglia di metterci in gioco: abbiamo messo su startup, innovato aziende e sviluppato app. 👩‍💻 Oggi, già durante l'emergenza sanitaria sono emerse nuove figure e opportunità di lavoro, ma sarà nel post Covid-19 che saremo messi di fronte a un nuovo modo di lavorare: passeremo sempre di più al digitale e al flessibile, così come cambierà anche il concetto stesso di desk con lo smart working. È su queste nuove modalità che dovrà lavorare l'Europa, ma anche l'Italia, per mettere in moto un nuovo sistema virtuoso di lavoro-formazione per incoraggiare le generazioni (Millennials, ma anche le future) per rispondere al nuovo mercato e ai nuovi stimoli: questo dovrà comprendere necessariamente anche retribuzione e valorizzazione del merito perché tempo e idee sono già da ora una variabile fondamentale nei rapporti di lavoro e proprio per questo dovranno essere retribuiti. 🇫🇷 Alla Night Live di #SostienePecora ho parlato anche del mio Erasmus a Lione e di quanto questa esperienza faccia crescere non solo sul piano universitario, ma anche culturale, nel rapporto con gli altri e sul self-empowerment. __ #zitapuntoeu #erasmuslife #erasmusstudent #Millennials #generazionemillennials #mercatodellavoro #smartworking #trasformazionedigitale #digitale #lavoroagile #digitaltransformation #unioneeuropea #europeista #politicalsociology #instapolitics #igerspolitics #businesswoman #EUlove #empoweredwomen #igerspolitics #inspogirl #powerofwomen #europainitalia #phdcandidate #dottoratodiricerca #comunicazionedigitale #europainitalia

A post shared by Elania (@elaniazito) on

Follow:
Elania Zito
Elania Zito

Mi occupo di comunicazione con i suoi annessi e connessi, ma è più divertente dire che faccio accadere cose. Europeista convinta, sono specializzata in Sociologia dell’integrazione europea. Ho scritto un ebook sulla comunicazione politica in Italia e un saggio sulla leadership di Mario Draghi. Mi piace il mare e fare colazione al bar in compagnia.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close Me
Looking for Something?
Search:
Post Categories: